In un ambiente sempre più competitivo, le aziende sono alla ricerca di modi per migliorare la loro competitività. Le principali leve da utilizzare sono la riduzione dei costi, ma anche – e soprattutto – il coinvolgimento dei dipendenti, i veri motori dell’azienda.
I manager che vedono la formazione dei dipendenti come un peso o un onere finanziario si sbagliano. Invece, dovrebbero considerare il fattore umano come un investimento. Impegnare i team in un processo di miglioramento continuo aumenta la qualità del servizio fornito al cliente e proporzionalmente aumenta il profitto dell’azienda. Come tale, l’introduzione deleccellenza operativa fa parte di una strategia manageriale coerente, in linea con l’evoluzione dei metodi di lavoro.

 

Migliorare la qualità attraverso l’eccellenza operativa


Gli obiettivi dell’eccellenza operativa sono:

  • ottimizzare la produttività;
  • Migliorare la qualità del prodotto;
  • ridurre i costi.

Tra questi obiettivi, il miglioramento della qualità rimane una delle priorità, in particolare per continuare a soddisfare i clienti esistenti, ma anche per attirare i potenziali clienti. La qualità si basa sul lavoro svolto dalla forza lavoro. Quindi migliorare la qualità significa ottimizzare i processi di produzione ma anche le prestazioni dei dipendenti.


Investire nella formazione dei dipendenti rimane una leva fondamentale. È un errore pensare che il tempo speso per la formazione sia tempo sprecato. Piuttosto, un aumento delle competenze dovrebbe essere visto come un ulteriore contributo in valore aggiunto.


Incoraggiare i dipendenti a pensare alle soluzioni e riconoscere il loro coinvolgimento, e implementare l’intelligenza collettiva sono tutte azioni che contribuiscono all’eccellenza operativa.


Capire che il fattore umano rimane il fondamento su cui si basa l’eccellenza operativa, significa costruire una strategia dando ai dipendenti i mezzi per eseguire e puntando al miglioramento continuo.

 

Quali metodi di gestione per raggiungere l’eccellenza operativa?


La strategia di gestione messa in atto dalle aziende impegnate nell’eccellenza operativa darà risultati migliori con metodi collaudati. Questi principi, nati nel mondo dell’industria, sono applicabili a tutti i dipartimenti aziendali: logistica, acquisti, amministrazione, ecc.


Questo include il coinvolgimento del personale in un processo di miglioramento continuo. Il manager deve diventare un leader, motivare le sue squadre e far loro desiderare di superare se stessi. Torniamo all’intelligenza collettiva menzionata prima. È davvero una strategia fondamentale per l’eccellenza operativa. Richiede il coinvolgimento e la motivazione delle squadre. A questo proposito, è il manager che deve fissare gli obiettivi, supervisionare e sostenere i suoi dipendenti in caso di problemi, a tutti i livelli. Riferirà alla direzione e sarà in grado di intervenire rapidamente in caso di malfunzionamento.


La maggior parte dei dipendenti si impegna a fare bene e a produrre un lavoro di qualità. Rispondono a ciò che la direzione si aspetta da loro e ricevono uno stipendio in cambio. La dimensione emotiva che deriva dalla soddisfazione personale di un lavoro ben fatto non dovrebbe essere sottovalutata.
Questa osservazione solleva un punto essenziale, che è la compensazione dei dipendenti.

 

Proprio come si può convincere un cliente che la qualità paga, gli alti performer possono aspettarsi di essere pagati per le loro capacità. Tuttavia, per prendere in considerazione la prospettiva di riduzione dei costi, dovrete fare attenzione e calcolare la quota della massa salariale in funzione del prezzo di costo del vostro prodotto.

 

Utilizzo di Lean Six-Sigma


È la combinazione di due metodi di gestione: Lean e Six-sigma. Provenienti dai sistemi industriali di Toyota per uno e Motorola per l’altro, questi metodi, anche se vecchi, continuano a dimostrare la loro efficacia oggi.

 

Principi:

  • controllare i processi in tutto l’ordine del cliente da parte dei dipendenti;
  • portare l’azione al cuore del sistema;
  • chiedere il ”
    Appena in tempo
    al fine di ridurre le scorte”;
  • prevenire la sovrapproduzione per ridurre gli sprechi;
  • utilizzare strumenti organizzativi come Kanban, Kaizen, Jidoka, ecc;
  • aumentare la soddisfazione del cliente per una maggiore redditività;
  • creare un’emulazione di lavoro nell’azienda che garantisca ai clienti una consegna del loro ordine con zero difetti;
  • mantenere un occhio critico sulla concorrenza per fare meglio;
  • misurare la deviazione standard (il Sigma) fino a 6 volte tra le specifiche alte e basse del cliente;
  • impegnarsi nel miglioramento continuo e nel coinvolgimento dei dipendenti.


Combinando i due metodi, il business leader aumenterà l’efficienza dei suoi team, ridurrà gli errori, i difetti, gli sprechi e i costi, mentre soddisfa le aspettative dei clienti.


L’eccellenza operativa richiede quindi il miglioramento dei processi così come delle competenze dei dipendenti e delle condizioni di lavoro. Può essere misurato attraverso indicatori di performance.


Permette alle aziende di rinnovare il loro prodotto per adattarsi a un ambiente in costante crescita. Per raggiungere questo obiettivo, devono essere in grado di identificare il più presto possibile i problemi che indicano la necessità di aggiustamenti del processo e/o delle competenze.


L’eccellenza operativa ci permette anche di misurare la soddisfazione dei clienti in tempo reale, in funzione della tariffa che sono disposti a pagare, al fine di mantenere un rapporto qualità/prezzo adeguato a un mercato competitivo.


Per migliorare le condizioni di lavoro, è preferibile gestire in modo collaborativo piuttosto che gerarchico, per valorizzare l’autonomia dei dipendenti, a rischio di vederli disimpegnarsi dal processo di eccellenza operativa. Come tale, è essenziale considerare la formazione del team e il benessere sul lavoro come un investimento e non come un costo inutile. È essenziale considerare i dipendenti come la pietra angolare su cui si basa la competitività delle aziende. Poiché il miglioramento riguarda tutti i livelli, coinvolge anche i team di gestione nella
gestione dell’eccellenza operativa
.